• Latemar Montagnanimata

Blog

COME ORGANIZZARE UNA GITA IN MONTAGNA CON I BAMBINI

Come organizzare una gita in montagna con i bambini, questa è una domanda che tutte le mamme si fanno almeno una volta nella vita! Prima di tutto: la meta, dove andare?

Ai miei bambini (5 e 7 anni) piace molto giocare all’aria aperta. Abitiamo in Val di Fiemme, in Trentino: oggi andiamo alla scoperta dei draghi sulla MontagnAnimata. Ho letto che c’è un sentiero tematico fantastico per bambini e famiglie e siamo partiti. Vi racconto com’è andata 😉

LA FORESTA DEI DRAGHI È A 10 MINUTI DA PREDAZZO

foresta dei draghi roccia della profezia predazzo val di fiemme

Fatto lo zaino, partiamo verso Predazzo. Con la telecabina in dieci minuti arriviamo a Gardonè, a 1650 m, e ci fiondiamo al “punto info” per prendere il giocolibro. Questo è il punto di partenza se vuoi informazioni sui sentieri tematici, gli spettacoli e le attività che puoi fare durante la giornata. Il giocolibro ci guiderà nella Foresta dei Draghi: seguendo la storia, potremo giocare tutti insieme e risolvere quiz e indovinelli.

Ovviamente i bambini vogliono un giocolibro a testa. Ok, ne prendiamo due e iniziamo la nostra avventura. Paolo ha scelto Ais: il drago dei ghiacci, con il dorso azzurro, il ventre bianco e due ali immense. Anna, la piccola, ha scelto Rogos: un potente drago rosso, forse il più grande di tutti. I giocolibri sono 7, adatti a tutte le età: per bambini in età scolare e prescolare. I nomi dei draghi sono bellissimi: Ais, Ardea, Goira, Kromos, Rametal, Rogos e Zoira. Ho scoperto che le Avventure Cercadraghi sono ispirate al libro di Beatrice Calamari, “I draghi del Latemar”. Non posso partire senza averlo preso.

Ci avviamo! Il sentiero parte appena sotto la terrazza del rifugio Gardonè, sulla sinistra, e sembra una passeggiata facile. Davanti a noi c’è una famiglia con il passeggino, bene. Potrebbe farlo anche la mia amica Laura con la sua piccola di undici mesi, penso. È perfetto per tutti. La giornata è stupenda, i bambini corrono avanti e indietro come matti. Seguiamo con attenzione la storia e le indicazioni che troviamo sui giocolibri, scegliamo di compiere una missione: aiutare Rogos. I bambini sono attentissimi, si guardano in giro e cercano fra gli alberi le tracce. Trovano un graffio enorme su un albero: “Mamma, papà, guardate! L’ho trovato io. È stato un drago di sicuro”. Io e mio marito ci scambiamo uno sguardo d’intesa e stiamo al gioco, leggo ad alta voce ancora un pezzetto di racconto e poco più avanti scendiamo, sulla destra, fino a una grande roccia con delle incisioni.

LA PUZZ-ZONE È LA NOSTRA TAPPA PREFERITA

foresta dei draghi puzzone predazzo val di fiemme

Il sentiero è davvero bello, pianeggiante e ampio, perfetto per i bambini. Ci lasciamo alle spalle la grande roccia, Rogos ha ancora bisogno del nostro aiuto! Poco più avanti, sulla destra, troviamo delle cassettine a forma di cilindro, siamo arrivati alla puz-zone! Dobbiamo aprire le cassettine e annusare le “puzze” dei draghi. “Mamma hai detto puzze!?”, quante risate. Annusiamo una per una le cassettine di legno, dobbiamo indovinare qual è l’alito di drago, “ehm credo proprio sia la casettina che profuma di menta”. Segniamo la risposta sul libretto, neanche il tempo di finire di scrivere che i bimbi sono già andati avanti di corsa. “Ehi bimbi, piano! Aspettateci”.

UN ENORME UOVO ROSSO NEL NIDO DI PIETRA

Non faccio in tempo a leggere il resto che hanno già trovato l’uovo di drago nel nido di pietra, bellissimo! Ci fermiamo ad ammirarlo, un po’ timorosi lo toccano, ci girano intorno, lo esplorano. È veramente grande! Abituati alle uova di gallina, questo è decisamente enorme.

A METÀ SENTIERO SIAMO NELLA CASA LABORATORIO DI NIKOLAUS DRACHE

foresta dei draghi casetta dragologo predazzo val di fiemme

Siamo al giro di boa, adesso il sentiero curva e scende per tornare indietro, da lì a poco troviamo la casa laboratorio di Nikolaus Drache. Una bellissima baita nella radura, come quelle delle favole. Entriamo tutti a esplorare ogni angolino, ci sono mille cose da vedere, mappe, oggetti e libri antichi.

La nostra missione è quasi compiuta e dopo aver trovato le pietre del fuoco ci dirigiamo alla postazione del “dono del volo”, con ali giganti di drago che sbucano dal terreno. Qui ci sediamo e finiamo insieme di leggere la storia: Rogos è fiero di noi, i bambini sono felici. Un pochino ci dispiace perché il sentiero sta per finire: intravedo l’impianto che sale a Gardonè e mi sembra di dover tornare per forza alla realtà. Per un’oretta siamo stati catapultati in un mondo fantastico di gioco, tutti insieme. La Foresta dei Draghi è un’attività perfetta da fare in montagna in famiglia con i bambini. Torniamo al “punto info” dove ci regalano un piccolo premio, fantastico!

foresta dei draghi nido di drago predazzo val di fiemme

I bambini si avvicinano alla grande ruota di legno, danno un giro con forza ed ecco il premio: Anna è raggiante, ha ricevuto un sacchettino con dei pezzi di legno da montare, sarà un’apina a farle compagnia. Paolo è fiero del suo premio: ha ricevuto il memory dei draghi del Latemar. Ci sediamo nel parco giochi ad assemblare e colorare i nostri premi.

Se anche voi volete organizzare una giornata insieme ai bambini in vacanza in montagna in Trentino, ecco i miei suggerimenti da mamma a mamma:

  1. i sentieri tematici della MontagnAnimata sono perfetti per impegnare tutti in facili passeggiate alternate al gioco: perfetto per far camminare anche i bambini più pigri
  2. noi abbiamo fatto il sentiero della Foresta dei Draghi ma sulla MontagnAnimata c’è anche il sentiero del Pastore Distratto
  3. vi consiglio di prendere un giocolibro (sono solo 5,00 € e insieme vi viene data anche una borsina di tela e i pastelli): vi guiderà alla scoperta dei sentieri con giochi e quiz. Potete scegliere tra tanti giocolibri per ogni sentiero
  4. all’arrivo della telecabina ci sono anche altre attività: un parco giochi, l’Alpine Coaster Gardonè, un’attrazione incredibile per sfrecciare a tutta velocità su rotaia, e la Pista Tubby; alla MontagnAnimata trovate tante attività e giochi per l’intera giornata
  5. a luglio e agosto, durante la settimana, ci sono tanti spettacoli itineranti, liberi e gratuiti

INFORMAZIONI UTILI

La Foresta dei Draghi è a Gardonè, a dieci minuti da Predazzo. È una passeggiata facile da fare con i bambini in vacanza in Trentino d’estate. Si trova all’arrivo della telecabina Predazzo-Gardonè, in Val di Fiemme. Prima di partire controlla gli orari. Gli impianti di risalita di Predazzo sono aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019.

Francesca Delladio

0 Read More

Il Dahù c’è e manda segnali

Le nostre scienziate sono fiduciose: il Dahù c’è e manda segnali.

Il silenzio che regna nei boschi fa pensare che tutto sia cambiato. Chissà se il Dahù è sopravvissuto alla furia del vento!? Le nostre scienziate hanno attivato le ricerche e dalle sottili vibrazioni registrate nel centro di Grenoble sono arrivati messaggi confortanti: il Dahù c’è e continua a mandare segnali. Ma servono piccoli esperti con la mente libera e tanta immaginazione per riconoscerne le tracce e captare le frequenze. La ricerca riprende sul Latemar, lungo il sentiero del Pastore Distratto. Un nuovo spettacolo itinerante che coinvolge famiglie e bambini vi aspetta tutti i martedì, dal 2 luglio al 27 agosto.

sentiero tematico del pastore distratto, spettacolo itinerante dahù, predazzo val di fiemme trentino

Le nostre scienziate sulle tracce del dahù

Qualcuno dice che il Dahù somiglia a una capra, con quelle corna ritorte. Di certo si sa che questo buffo animale ha quattro zampe: più corte da un lato e lunghe dall’altro. Il che spiega perché sia costretto a girare sempre a destra oppure a sinistra, rischiando quasi l’estinzione. A complicare le cose ci si è messa la furia della tempesta Vaia: alberi sradicati, un vento fortissimo e pioggia incessante. Ma le nostre scienziate non si sono perse d’animo: coniugano il sapere della biologia con le intuizioni della mitologia e stanno guidando le ricerche. Unendoti a loro puoi diventare esperto di frequenze del dubbio, dottore di tracce nell’erba, un osservatore attento sulle tracce del Dahù.

Lo spettacolo itinerante “Salviamo il Dahù” è adatto a tutta la famiglia. È gratuito e non serve prenotare. Camminare sul sentiero del Pastore Distratto, una passeggiata facile per bambini e famiglie, sarà ancora più bello con lo spettacolo itinerante.

A Passo Feudo, nel giardino del Dahù

istallazioni nel giardino storto del dahù a passo feudo, val di fiemme, trentino

Gioca con le installazioni dedicate al dahù a passo Feudo!

Ai piedi del Latemar, sulla MontagnAnimata, puoi vedere da vicino il giardino del Dahù. Troverai strani solchi nel terreno, tracce fresche che fanno pensare all’equilibrio instabile di questi animali. Questo è un punto strategico per la ricerca. Con le installazioni realizzate da Marco Nones, Stefano Dellantonio, Ilaria Castellan, Loris Paluselli e Simone Frasca potrai giocare e sperimentare il gusto della scoperta in autonomia. Ma attenzione a non cancellare le tracce del Dahù! Troverai piccoli indizi del suo passaggio lungo il cammino e, proprio qui, qualcuno l’ha visto arrampicarsi fra gli impervi pinnacoli del Latemar.

Puoi raggiungere Passo Feudo da Predazzo-Gardonè con la cabinovia e proseguire a piedi lungo il pendio o arrivare riposato in quota (2200 mt) con la seggiovia Gardonè-Passo Feudo. Gli impianti di risalita sono aperti tutti i giorni, dalle 8.30 alle 17.45, con orario continuato.

“Le fiabe storte del Dahù” fanno volare la fantasia

il libro le fiabe storte del dahù

Concediti una pausa e leggi le fiabe storte del dahù, sono 4 racconti tutti ispirati a questo buffo animale

Se vuoi arrivare preparato o vuoi sapere tutto del Dahù, c’è una bellissima raccolta di fiabe nate dalla fantasia di 4 scrittori e 4 illustratori: “Le fiabe storte del Dahù” fanno parte della collana in erba di MontagnAnimata, chiedile al Punto Info a Gardonè. In questo libro troverai stili diversi e un poker di racconti inediti dedicati a un unico e leggendario personaggio. Ad esempio, lo sapevi che esiste un “miracolo del cacciatore di trofei”?

“Le fiabe storte del Dahù” (pagg.46, € 5,00) è una bellissima raccolta di fiabe che mescola realtà e fantasia. Una più strabiliante dell’altra, scritte e illustrate da: Pino Costalunga e Simone Frasca; Beatrice Calamari e Marco Nones; Alberta Rossi e Stefano Dellantonio; Anna Vanzo e Ilaria Castellan. Metti un plaid sull’erba, ti stendi e fai volare la fantasia.

QUALCHE INFORMAZIONE PRATICA

Per raggiungere la MontagnAnimata potete utilizzare gli impianti di risalita da Predazzo (aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019). Vedete qui Prezzi e Orari. Qui come arrivare a Predazzo.

0 Read More

6 cose da fare con bambini da 8 a 14 anni d’estate in montagna

Abbiamo pensato di raccogliere in questo articolo 6 cosa da fare, d’estate in montagna, con i bambini da 8 a 14 anni. Sono suggerimenti per vivere a pieno l’esperienza di una giornata sulla MontagnAnimata, tra sentieri tematici, giochi interattivi, spettacoli itineranti, gastronomia e puro divertimento.

  1. Impianti di risalita ridotti del 40% per ragazzi da 8 a 16 anni

    Telecabina Predazzo-Gardonè in Val di Fiemme, Trentino

    Telecabina che parte da Predazzo e arriva a Gardonè (1650m)

Per i ragazzi dagli 8 ai 16 anni c’è uno sconto speciale sugli impianti di risalita per tutta l’estate: -40% sul biglietto della cabinovia e della seggiovia. I bambini minori di 8 anni (nati dopo il 25.05.2011) non pagano e, per tutti, il trasporto delle biciclette è incluso nel biglietto.

  1. Alpine Coaster Gardonè

    Alpine Coaster Gardonè, slittovia su rotaia, a Predazzo in val di Fiemme, Trentino

    Alpine Coaster Gardonè, divertimento assicurato! ©Orler

Alpine Coaster Gardonè  è un circuito ad anello di 1 km circa: 980 m di dossi, salti e un giro a 360° in tutta sicurezza nel bosco. Fai il biglietto, ti siedi e allacci le cinture.

I bob sono a due posti, si muovono su rotaia e la velocità la regoli tu. I ragazzi dagli 8 ai 14 anni vanno accompagnati da uno maggiore di 14 anni o da un adulto, perché no?! Agli adulti non è vietato divertirsi. Alpine Coaster Gardonè è un’attrazione unica in Trentino.

  1. Gioco di squadra con la Difr Academy

    Gioco interattivo DIFR Academy a Predazzo in Val di Fiemme, Trentino

    Postazione finale del gioco interattivo DIFR Academy

Il Difr è un gioco all’aperto da fare in squadra: con gli amici, in famiglia, basta essere almeno in due, così la sfida è contagiosa e, se l’alfabeto dei draghi ti trae in inganno, ti fai aiutare. Ci sono 8 postazioni interattive, ti orienti con la mappa che trovi nel kit, insieme ai pastelli a cera e …non ti sveliamo tutto! Dovrai trovare i totem, risolvere indovinelli e portare a termine una missioneConoscerai Leroistus, Prakon, Tof e Robinia.

  1. Passeggiate facili in montagna per ragazzi

    Scorcio Sentiero tematico del Pastore Distratto a Predazzo in Val di Fiemme, Trentino

    Facciamoci un selfie! Lungo il sentiero tematico del Pastore Distratto ©Modica

Arrivati a Gardonè ci sono due passeggiate facili da fare con i ragazzi.

A Gardonè c’è la Foresta dei Draghi e il sentiero del Pastore Distratto: due sentieri tematici, panoramici, ad anello (si parte e si torna nello stesso punto) e divertenti. Nella Foresta dei Draghi vai alla scoperta di tracce e indizi che svelano il passaggio dei draghi buoni del Latemar.

Sul sentiero del Pastore Distratto, Martìn ti prende per mano e ti svela i saperi della montagna. Conoscerai gli attrezzi usati dai pastori, scoprirai il ciclo dell’acqua.

 

  1. Spettacoli itineranti sui sentieri tematici

    Un momento dello spettacolo itinerante alla ricerca del dahu, a Predazzo in Val di Fiemme, in Trentino

    Antenne ben alzate! Si va alla ricerca del Dahù!

Per tutto il mese di luglio e agosto, sui sentieri tematici sono in programma spettacoli divertenti da fare in famiglia con i ragazzi: adatti a tutte le età! Se sei in vacanza in Trentino, ti piace la montagna e hai voglia di una passeggiata facile da fare con i ragazzi è il posto giusto.

Da domenica a mercoledì, tutti i giorni, gli spettacoli sono itineranti sui sentieri: per scoprire le tracce dei draghi buoni del Latemar con Nikolaus Drache, contribuire alla ricerca del Dahù con due buffe scienziate, scoprire la geologia insieme alla mitica Gea e farti raccontare le storie dei pastori e i segreti del bosco.

Tutti i giovedì gli spettacoli sono in anfiteatro: un piccolo palco tra gli alberi fatto apposta per ridere e farsi prendere dalle storie 😉

  1. Un dolce strepitoso in rifugio (a 1650 m o a 2200 m)

    Strudel di pesche al Rifugio Passo Feudo sul Latemar in Trentino

    Strudel di pesche al Rifugio Passo Feudo ©Campanile

Per ricaricare energie fai una pausa golosa alla Baita Gardonè o al Rifugio Passo Feudo. Ti siedi, ti rilassi e dai un’occhiata ai dolci! Tre consigli golosi: sinfonia di strudel (mele, cacao, frutti di bosco, ricotta), Linzer Torte, Keiserschmarren.

Che lo strudel è un dolce tipico del Trentino Alto Adige non serve dirlo, lo consigliamo perché ognuno ha la sua ricetta e gli ingredienti locali lo rendono speciale. A fine vacanza potresti fare la tua personalissima lista del posto in cui “wow, uno strudel così buono non l’ho mai mangiato”.

La Linzer Torte (torta di Linz, Austria) è antichissima. Burro, mandorle o nocciole, marmellata di ribes e qualche spezia sono gli ingredienti che la rendono squisita. Il Kaiserschmarren è una specialità povera; fatto con latte, uova, farina e strutto. In giro troverai la ricetta originale austriaca e quella tipica tirolese. Prova quello del Rifugio Passo Feudo e poi dimmi!

QUALCHE INFORMAZIONE PRATICA:

Per raggiungere la MontagnAnimata potete utilizzare gli impianti di risalita da Predazzo (aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019). Vedete qui Prezzi e Orari
Qui come arrivare a Predazzo.

Sara Carneri

135 Read More

Cosa fare con i bambini in montagna in estate

Vi chiedete cosa fare con i vostri bambini in Montagna? Siamo nelle montagne del Trentino, in Val di Fiemme.

La prima domanda che genitori e bambini fanno al punto informazioni di Gardonè (1650 m, all’arrivo della cabinovia) è: “Ma qua, cosa si può fare?” E noi iniziamo a snocciolare la vasta gamma di attività che prende vita sulla MontagnAnimata.

Passeggia con la tua famiglia lungo i facili sentieri tematici e vivi le avventure della MontagnAnimata!

“C’è il DIFR, un gioco interattivo da fare tutti insieme. Ci sono i sentieri tematici per camminare, imparare e divertirsi con i Giocolibri. C’è l’Alpine Coaster, per bambini alti più di 105 cm. Sei più piccoloi? Sul tubby non c’è limite di altezza perché scivolare sui gommoni colorati è uno spasso in sicurezza. Ma alle 11.00 non potete mancare lo spettacolo itinerante. Oggi il prof. Drache vi accompagna a scoprire il mondo dei draghi. Si può fare davvero di tutto sulla MontagnAnimata”.

Solitamente, alla fine la reazione è: occhio spalancato, bambini ansiosi di non perdere un minuto, genitori che si interrogano. “Da cosa cominciamo? Dove inizia il sentiero?

NO PANIC!

Ecco l’abc per famiglie e bambini felici! A MontagnAnimata c’è spazio per tutte le età e gli interessi. Ti piace viaggiare a tutta velocità? Non vedi l’ora di cercare le tracce dei draghi? Hai sentito raccontare di api, pastori, lavori antichi di montagna? Ti piace la scienza e sai tutto (o quasi) sulle rocce? In poche righe qui trovi cosa fare. Da soli, in famiglia o in gruppo, piccoli e grandi.

Attività per bambini da 0 a 5 anni

Pista Tubby!

Ho meno di 5 anni, cosa posso fare?
DIFR (gioco interattivo): sì, con mamma e papà
SENTIERI TEMATICI con GIOCOLIBRO: sì, con mamma e papà
PARCOGIOCHI: sì, c’è anche un angolo morbido per riposare
PISTA TUBBY: sì, e guidi tu!
SPETTACOLO ITINERANTE: sì, senza passeggino

Attività per bambini da 5 a 10 anni

Un giro sull’Alpine Coaster Gardonè?

Ho 5 anni sono alto 107 cm, mia sorella 10, cosa è adatto a noi?

DIFR (gioco interattivo): sì, con mamma e papà o con una squadra fatta di amici!
SENTIERI TEMATICI con GIOCOLIBRO: sì, tutti i sentieri
PISTA TUBBY: sì, ciascuno il suo gommone
ALPINE COASTER GARDONÈ: sì, accompagnati da un adulto
SPETTACOLO ITINERANTE: sì, un po’ in fila indiana un po’ in cerchio

Ragazzi da 10 a 15 anni

Il gioco interattivo del DIFR

Ho 10 anni, Matteo e Alice 15, vorremmo divertirci insieme
DIFR (gioco interattivo): sì, forma una squadra di amici e trova tutte le postazioni interattive. Se mamma e papà si aggiungono: no problem, è divertente tutti insieme
SENTIERI TEMATICI con GIOCOLIBRO: sì, tutti i sentieri
PISTA TUBBY: sì, puoi sfidare i tuoi amici in velocità
ALPINE COASTER GARDONÈ: sì, accompagnati fino ai 14 anni, poi da soli!
SPETTACOLO ITINERANTE: sì, senza correre, c’è posto per tutti

Cosa fare durante le facili passeggiate sui nostri sentieri? Ci sono i giocolibri!

Giocolibri!

I giocolibri sono libricini pieni di quiz, indovinelli, disegni e prove di ingegno per accompagnarti lungo i 3 sentieri tematici di MontagnAnimata: la Foresta dei Draghi e il Pastore Distratto.

< 8  anni: per piccoli cacciatori di draghi e bambini che hanno voglia di storie da portarsi a casa (I draghi del Latemar, La Pina, le fiabe storte del dahú, I misteri dei draghi del Feudo e Piccolo circo quassù)

> 8 anni: per giovani cacciatori di draghi, bambini che hanno voglia di sapere (Il Pastore Distratto, la vita all’alpeggio, Il Pastore distratto, Martin e l’acqua, Il Pastore Distratto, I segreti del nonno), per leggere, anche tra le righe (I draghi del Latemar , La Pina, Fiabe storte del dahú, I misteri dei draghi del Feudo e Piccolo circo quassù)

INFO PRATICHE:

Vuoi sapere quanto costano queste attività? Guarda la pagina PREZZI E ORARI. Per arrivare qui, visita la nostra pagina COME ARRIVARE. Gli impianti di risalita di Predazzo sono aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019.

Francesca Delladio

0 Read More

6 cose da fare con i bambini di 3-7 anni d’estate in montagna

1. Impianti di risalita gratis per bambini fino a 7 anni

MontagnAnimata è a cinque minuti da Predazzo, in Val di Fiemme, a 1650m. Per arrivare puoi prendere gli impianti di risalita: con la telecabina arrivi a Gardonè, con la seggiovia puoi proseguire fino a Passo Feudo. Per i bambini fino a 7 anni gli impianti di risalita sono gratis!

2. Passeggiate facili in famiglia nei sentieri tematici

Sentiero tematico La Foresta dei draghi - Predazzo - in val di Fiemme

Lungo il sentiero tematico – La Foresta dei Draghi

Ci sono facili passeggiate per famiglie e bambini alla MontagnAnimata: la Foresta dei Draghi e il sentiero del Pastore Distratto.

Il percorso più semplice è la Foresta dei Draghi: un sentiero ad anello di 1,4 km, pianeggiante, da fare anche con il passeggino. Il sentiero è libero, non serve essere accompagnati ma quando c’è in giro Nikolaus Drache è molto divertente! Quando non è nei paraggi potrete affidarvi alle Avventure Cercadraghi: 8 giocolibri per esplorare il sentiero, imparare l’alfabeto dei draghi, risolvere gli indovinelli e completare il percorso. Alla fine c’è un premio che vi aspetta 😉

3. Spettacoli itineranti su facili sentieri per famiglie e bambini

Spettacolo itinerante Nikolaus Drache - Predazzo - val di Fiemme

Domenica si va a lezione di dragologia con il prof. Drache 😉

Per tutto il mese di luglio e agosto, dalla domenica al mercoledì puoi scegliere di scoprire i sentieri MontagnAnimata in compagnia di strani e divertenti personaggi! I bambini si divertono e (lo vedrai con i tuoi occhi) camminano spediti: inseguono il magnifico dragologo del Latemar, ascoltano Albina e Alberto con le storie dei pastori, imparano a piantare un piccolo albero con un boscaiolo vero, seguono i passi del falegname alla ricerca dei suoi attrezzi scomparsi, fanno ricerca sul dahù e allenano lo sguardo con la geologia in “Gea sulle tracce del vulcano”. Tutti i giovedì l’appuntamento è in anfiteatro, a Gardonè.

4. Menù per bambini al rifugio o facciamo un pic nic?

I rifugi del Latemar offrono piatti della tradizione trentina e menù speciali per bambini: solo prodotti sani e genuini. A Baita Gardonè e al Rifugio Passo Feudo c’è un’attenzione particolare per i bambini: dalle piccole cose (cuscini morbidi, seggiolone, biberon e pappe fatte in casa da scaldare) al divertimento della pipì (a Baita Gardonè si va in bagno con lo scivolo, lo sapevi?)! Se preferisci fare un pic nic c’è un’area attrezzata sul sentiero del Pastore Distratto o… guardati attorno: cerca un angolo all’ombra, stendi una coperta e buon appetito!

5. Parco giochi con altalene, scivoli e angolo morbido

Parco giochi il regno dei draghi - Predazzo - Val di fiemme

Leggere un bel libro sui cuscini dell’angolo morbido del parco giochi

Dopo pranzo, prima di riprendere a camminare sui sentieri, una tappa al parco giochi Il Regno dei Draghi è perfetta. Tra scivoli, altalene, palette e secchielli nella sabbia i bambini si divertono. Il parco è chiuso da una staccionata, puoi lasciarli liberi di giocare e prendere fiato. Ci sono tavoli di legno e panche per disegnare, colorare e tanti libri da prendere in prestito. Non poteva mancare una selezione di libri e albi illustrati sui draghi oltre alla collana in erba!

6. Pista Tubby, emozioni a tutta velocità

Pista Tubby

Cosa fare nel pomeriggio alla MontagnAnimata? A Gardonè c’è la pista Tubby: prendi un gommone, sali in cima alla pista sul tapis roulant, i bimbi si siedono, tengono strette le maniglie e via… con una discesa a tutta velocità! Se vuoi goderti lo spettacolo vai a bordo pista, all’arrivo. È il punto migliore per fare belle fotografie.

QUALCHE INFORMAZIONE PRATICA:

Per raggiungere la MontagnAnimata potete utilizzare gli impianti di risalita da Predazzo (aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019). Vedete qui Prezzi e Orari
Qui come arrivare a Predazzo.

Sara Carneri

2 Read More

10 cose da fare in estate con i bambini sulla MontagnAnimata

Ecco le 10 cose da fare in estate con i bambini sulla MontagnAnimata, per non perdere neanche un minuto e portare a casa un bel ricordo.

È tempo di organizzare le vacanze e cosa ne dite di un po’ di aria buona di montagna? ;). Se poi ci aggiungiamo tante attività da fare immersi nella natura con i vostri bambini la ricetta è completa.

  1. Fino a 7 anni impianti di risalita gratis

I bambini fino a 7 anni viaggiano gratis: in telecabina, fino a Gardonè (1650 m), e in seggiovia, fino a Passo Feudo (2200 m), si godono il panorama senza pagare il biglietto. Se MontagnAnimata è il posto giusto per una vacanza in famiglia, abbiamo pensato che i bambini viaggiano gratis.

  1. Passeggiate facili per famiglie e bambini in montagna

    pastore distratto

    sentiero tematico Pastore Distratto a Gardonè

I sentieri tematici sono passeggiate facili da fare con i bambini, dai 0 anni in su: la Foresta dei Draghi, e il sentiero del Pastore Distratto. Nella Foresta dei Draghi puoi andare con il passeggino, sugli altri sentieri vieni attrezzato con lo zaino porta-bimbo. Dai 3 anni in su, se hai la pazienza di raccontargli una storia i bambini camminano da soli.

Alla MontagnAnimata le storie non mancano. Fai così, quando arrivi a Gardonè passa al Punto Info e chiedi un giocolibro. Puoi scegliere in base all’età dei bimbi, ce ne sono anche per i più grandi. Camminano, ascoltano, trovano le tracce, risolvono indizi e alla fine …c’è un premio che li aspetta al Punto Info. Alcuni premi sono di legno, hanno la forma dei personaggi della MontagnAnimata e li puoi colorare. C’è Tof, la Pina, il Dahù.

  1. Alpine Coaster Gardonè, a tutta velocità tra i boschi

    Alpine Coaster Gardonè

980 m di dossi, salti e un giro a 360° in tutta sicurezza: Alpine Coaster Gardonè è un circuito ad anello di 1 km circa. Fai il biglietto, ti siedi e allacci le cinture. I bob sono a due posti, si muovono su rotaia e la velocità la regoli tu.

  1. Pista Tubby, tieni strette le maniglie e via

    Pista Tubby

È una pista per gommoni monoposto, adatta a tutti, senza limiti d’età. Prendi il gommone, raggiungi la cima della pista sul tapis roulant. Il bimbo si siede, tiene strette le maniglie e via. Tu trattieni pure il fiato (la prima volta tutti i genitori lo fanno) e goditi il sorriso dei bimbi con il vento tra i capelli. In fondo alla pista Tubby puoi stendere un plaid e tenerli d’occhio.

  1. Idee per un pic nic in montagna

    Area pic nic – sentiero del Pastore distratto

Pic nic è una coperta stesa all’ombra; via scarpe, calzini, un velo di crema solare. C’è chi organizza tutto nei minimi dettagli e nello zaino ha quel che occorre. C’è chi passa al rifugio, sceglie un panino e un angolo di prato. Alla MontagnAnimata c’è un’area pic nic lungo il sentiero del Pastore Distratto, radure nel bosco, sentieri e prati tranquilli per un riposino. L’energia per giocare e camminare vien mangiando.

  1. Spettacoli itineranti sui sentieri

    spettacoli itineranti

Se stai pensando cosa fare in Val di Fiemme a luglio e agosto non puoi perderti gli spettacoli itineranti nella Foresta dei Draghi e sul sentiero del Pastore Distratto. In compagnia di strani, simpatici e buffi personaggi vi divertirete alla grande. Tutti gli spettacoli sono gratuiti (dalla domenica al giovedì) e non serve prenotare. Conoscerai Nikolaus Drache, i pastori, la signora Matilde, la guida del Cais e Sergio. Le nostre scienziate alla ricerca del Dahù sono uno spasso.

  1. Un dolce strepitoso al rifugio, a 1650 m e a 2200 m

    un ottimo dolce 😉 al rifugio Passo Feudo

Che fai, vieni in Val di Fiemme per una vacanza in famiglia e non prendi un dolce? Alla Baita Gardonè, vicino alla Foresta dei Draghi, oltre ai menù per bambini con i nomi dei draghi trovi dolci magnifici. L’appetito aumenta con l’altezza, si sa. Al Rifugio Passo Feudo sei a 2200 m con panorami spettacolari sulle montagne intorno. Un consiglio sui dolci che trovi al rifugio? La “sinfonia di strudel” è una goduria.

  1. Parco giochi con altalene, scivoli, sabbiera, angolo libri e relax

    Parco giochi a Gardonè

Una cosa da fare dopo aver camminato, corso, giocato è fermarsi nel Regno dei Draghi: chi ha energie potrà andare in altalena, prendere secchielli, palette e fare castelli nella sabbia, allenarsi su una piccola parete di roccia o… hai voglia di relax? C’è un angolo morbido che fa al caso tuo. Chiedi un libro in prestito al Punto Info e goditi una pausa con i bimbi.

  1. Fai squadra, divertiti con il gioco del Difr

    gioco interattivo DIFR nei boschi di Gardonè

A Gardonè ci sono 8 postazioni interattive. Al Punto Info ti spiegheranno tutto, avrai un kit con la mappa per orientarti. Dovrai trovare i totem di legno, scoprire gli indizi, superare le prove e portare a termine una missione. Non c’è limite d’età, il Difr è adatto a famiglie e bambini, la sfida è collaborare e fare squadra. Il gioco va completato entro le 16.30, così potrai fare un giro sull’Alpine Coaster Gardonè o sulla pista Tubby entro l’orario di chiusura.

  1. Scopri la magia delle api e la loro dolcezza

    apiario sperimentale della MontagnAnimata

Sul sentiero del Pastore Distratto c’è una deviazione che ti porta dritta all’apiario di MontagnAnimata. Ci sono 6 arnie speciali, tutte diverse.

QUALCHE INFORMAZIONE PRATICA:

Per sapere quanto costano gli impianti di risalita vedi prezzi e orari. Per arrivare sulla MontagnAnimata del Latemar, visita la nostra pagina Come arrivare. Gli impianti di risalita di Predazzo sono aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019.

Sara Carneri

3 Read More

avventure nella foresta dei draghi

4 PICCOLI ESPLORATORI ep.6

Il passaggio segreto è stato aperto

Vi ricordate bambini? Avevamo lasciato i nostri intrepidi esploratori alle prese con una strana chiave, tanta insicurezza e un passaggio segreto…curiosi di sapere come andrà a finire?

“La roccia della profezia si è aperta in due! Una roccia di pietra durissima! Avete visto tutti?”, esclama sbigottito Sem.

“Abbiamo visto! E sentito!” replica Teo spazientito come al solito.

“Cosa aspettiamo? Andiamo!”, urla Emma con il suo solito entusiasmo.Non fa in tempo a fare il primo passo che subito Teo l’afferra per il colletto. “Aspetta un attimo, non facciamo i precipitosi, non si vede nulla, non sappiamo che altre diavolerie si possono nascondere dall’altra parte”.

“Dai Teo, adesso smettila, che altra alternativa abbiamo? Io voglio tornare a casa e poi c’è il draghetto Tof con noi, ci proteggerà”, interviene Edo con decisione.

Con un po’ di riluttanza, da parte di qualcuno, i quattro amici attraversano lentamente l’apertura nella roccia. È buio e la pietra è fredda, i bambini si tengono per mano. Tof chiude la fila.

“Ehi aspettate, vedo una luce!”

Nel regno dei draghi

avventure-nella-foresta-dei-draghi-ep.6_il-ruscello

Nell’istante in cui tutti e quattro i ragazzi varcano la soglia del regno dei draghi, la possente roccia dietro le loro spalle si chiude con un tonfo sordo.

Davanti agli occhi c’è uno scenario da favola: prati immensi di erba “solletichina” ondeggiano nella brezza, guglie di roccia bianca si stagliano alte nel cielo. Un’improvvisa sensazione di pace e tranquillità riscalda i cuori dei nostri piccoli amici. Si sentono felici e leggeri, come se quel luogo meraviglioso lo conoscessero da sempre. Iniziano a correre e giocare nell’erba. I fiori, gli alberi, l’acqua del ruscello in lontananza, tutto sembra stranamente famigliare.

Teo si sente coraggioso e forte, incita gli altri a correre più veloce. Edo scruta l’immensità dell’orizzonte e gioca con le nuvole. Emma, neanche a dirlo, si butta a piedi pari nell’acqua del ruscello e si diverte con il solletico delle gocce d’acqua che rimbalzano in ogni direzione. Sem fa a gara con un grillo a chi salta più in alto.

Ad un tratto un’ombra gigantesca si disegna sull’erba oscurando il sole, un fruscio smuove le fronde degli alberi, poi silenzio… e con un assordante battito d’ali un drago enorme si staglia sopra le loro teste! A tutta velocità sfiora con la pancia le cime degli abeti e scompare dietro le rocce muschiate della montagna.

“Quello è Rametal, il guardiano del nostro regno, un giorno sarò grande e forte come lui”, bisbiglia Tof ai ragazzi.

All’improvviso sbuca dal folto del bosco una ragazza: lunghi capelli si posano sullo scialle grigio, occhi azzurri, viso dolce. “Eccovi, vi stavamo spettando”, dice rivolgendosi ai quattro e tendendo loro la mano come un invito a seguirla.

avventure-nella-foresta-dei-draghi-ep6_volo

I ragazzi si fermano per un secondo, si scambiano uno sguardo complice e la seguono. La ragazza inizia a correre sempre più veloce e, sul ciglio di un pendio, porta le braccia in alto e salta!

Anche i nostri piccoli esploratori fanno lo stesso, senza paura, pervasi da un senso enorme di libertà. Tenendosi per mano corrono impetuosi e, arrivati sul bordo del pendio, si gettano nel cielo.

Eccoli, li vedete? Volano!

“Lo spirito dei draghi è vivo dentro di noi, ti serviranno coraggio e destrezza per affrontare la libertà. Scoprirai il respiro della montagna, l’acqua, le rocce, l’amicizia.

Per vivere bisogna lasciarsi andare, la mente ha paura non vuole. Ascolta il tuo cuore di drago, fagli spazio, apri gli occhi e dona più che puoi. Nel regno dei draghi tutto è possibile”

FINE. 

Qualche informazione pratica:

Siete pronti per vivere anche voi un’avventura straordinaria nella Foresta dei Draghi?

La Foresta dei Draghi è a Gardonè, una facile passeggiata da percorrere in famiglia. Raggiungibile con gli impianti di risalita di Predazzo in Val di Fiemme. Dal 23 giugno 2019 gli impianti di Predazzo sono aperti per portarvi in quota. Controlla qui prezzi e orari.

 

 

 

0 Read More

Cosa fare in montagna d’estate con i bambini piccoli

Cosa fare in montagna d’estate con bambini piccoli (0-2 anni)

Oggi sarà una giornata speciale. Io e Francesco andiamo a fare una passeggiata facile in montagna! Proprio così, la Foresta dei Draghi ci aspetta! C’è il sole, il cielo è limpidissimo. Fa un po’ freschetto, forse è il caso di portarsi una felpa e di mettere dei pantaloni lunghi nello zaino. Dobbiamo salire a 1650m! Preparo l’occorrente per la gita e partiamo alla volta di Predazzo, destinazione impianti Latemar MontagnAnimata.

Sentieri facili da fare in famiglia sulla MontagnAnimata

Sentiero tematico Foresta dei Draghi in val di fiemme

Lungo il sentiero della Foresta dei Draghi

Francesco ha quasi 2 anni, per lui è tutto nuovo da scoprire. Saliamo sulla telecabina e il viaggio diventa uno spasso. Lungo il tragitto sobbalziamo un po’, lui mi ripete in continuazione “mamma boing-boing” e ride come un matto. Arrivati a Gardonè, non faccio in tempo a scendere che già sgambetta verso un grande nido in mezzo al prato. La nostra avventura ha inizio!

Enrica mi aveva consigliato di prendere un giocolibro per fare la passeggiata della Foresta dei Draghi. Lei ha una bimba di 5 anni, Francesco è ancora un po’ piccolo per capire i giochi del libretto ma gli piacciono molto le fiabe e lo prendo comunque. Glielo leggerò durante la passeggiata, così sarà ancora più divertente. Al Punto Info mi danno una borsina di tela con il libretto. Per Francesco diventa subito inseparabile, se la trascina ovunque.

Il sentiero della Foresta dei Draghi è facile da fare, anche col passeggino

Il sentiero è molto comodo e si può fare anche con il passeggino. Oggi Francesco è talmente emozionato dalle novità che non riesce a stare fermo, vuole camminare… bene, quando si stancherà lo metterò nello zaino porta-bimbi. Corre dappertutto con quelle gambette cicciotte, osserva e ascolta la storia. Gliela leggo, almeno per un attimo si ferma ad ascoltarmi. “Dobbiamo aiutare la draghessa Goira” ecco la nostra missione.

Una roccia con graffi di drago

Sentiero tematico la foresta dei draghi in val di fiemme, la roccia

I graffi del drago sulla roccia

Una freccia ci indica di deviare dal sentiero principale e scendere sulla destra. Vediamo una grande roccia con dei segni. Francesco prende un rametto e lo mette nella serratura incisa sulla roccia, come fosse la chiave che apre la porta della tana del drago 😉

Proseguiamo, mi stupisco del fatto che non voglia ancora salire nello zaino. Meglio così, dormirà di più pomeriggio… e anch’io 🙂

Corre come un matto verso delle cassettine di legno, “sono le puzze del drago” gli dico. Le alziamo una per una e annusiamo insieme gli odori “puzzosi” dei draghi. Il gioco più bello è aprire e chiudere le cassette che fanno un gran rumoremamma rumore” e ride.

Sentiero tematico la foresta dei draghi in val di fiemme, le puzze di drago

O che puzza!

Vederlo così mi riempie di gioia, prendo dallo zaino un berretto a forma di drago, ideale per la giornata di oggi. “Ecco adesso sei un vero draghetto del Latemar!

Un occhio di drago ci osserva passare, un uovo rosso enorme ci regala emozioni

Francesco, sei stanco?”. Sembra di no, continua a camminare da solo, il mio ometto.

Adesso il sentiero è leggermente in discesa, arriviamo nei pressi di una casetta. Meraviglia! È la casa del dragologo Nikolaus Drache leggo sull’insegna. “Vieni Francesco entriamo a vedere”. Prima è un po’ titubante, poi prende coraggio, entriamo. Quante cose, reperti e oggetti strani, che bella casetta!

Poco distante, nel prato, ci sono gli “alberi cavi”, leggo nella storia. Corriamo insieme avanti e indietro facendo la gimcana tra gli alberi e giocando a “bu-bu-sette”.

Proseguiamo, sulla destra vediamo delle pietre colorate. Qui Francesco mi prende dalle mani il libretto: vuole raccontarmi lui la storia e si mette a “leggere”. Che buffo, mi fa tanto ridere! “Ehi vedo una porticina laggiù! Corriamo, andiamo a vedere!” Qui ci scappa una bella foto ricordo della nostra gita.

sentiero tematico la foresta dei draghi in val di fiemme, la farfalla regina

Una bella foto ricordo della nostra gita 😉

Adesso è un po’ stanco, si trascina sul sentiero, lo metto nello zaino. Cammino più svelta fino all’enorme nido di drago con un uovo bianco grandissimo. WOW! Francesco lo indica col ditino, ci avviciniamo per vederlo meglio. Da sotto è veramente imponente. “Hai visto che grande!

Ci lasciamo alle spalle l’uovo di drago, fra gli alberi vedo che il sentiero si congiunge al punto di partenza. Ce l’abbiamo fatta! Ottimo lavoro piccolo mio! Adesso ci meritiamo un bel cappuccino e un succo di frutta! E poi? Viaaa al parco giochi!

Nel parco giochi il Regno dei Draghi

Il parco giochi il regno dei draghi in val di fiemme

Nel parco giochi! Via sul “din-don”!

Prima di entrare nel Regno dei Draghi mi danno un braccialetto di carta con il nome di Francesco, lui ne va fiero e lo mettiamo al polso. Siamo pronti per giocare! Il parco è definito da una staccionata, posso lasciarlo correre e giocare senza preoccuparmi che si allontani. Si fionda verso lo scivolo, il suo gioco preferito. Su e giù, su e giù senza sosta. E poi via sull’altalena. Ci sono così tanti giochi che non sa più dove andare… nella casetta… nel tunnel a forma di trenino… e poi “mamma din-don”…e  scivolo di nuovo.

Siamo arrivati alle 9 e mezza, sono le 12: è ora di pranzo! Lo convinco a uscire dal parco con la promessa di risalire sulla “cabina boing-boing”. Adesso è proprio cotto, mangerà e poi a dormire, che gioia!

Scendiamo a valle. Andando verso la macchina vediamo una gigantesca coda di drago verde! Francesco la accarezza come se fosse un peluche. “Caro, caro”, dice lui. Ci facciamo una foto 😉

installazione la coda di drago a valle della telecabina Predazzo-Gardonè in val di fiemme

La coda di drago!

Informazioni utili

La Foresta dei Draghi è a Gardonè, a 10 minuti da Predazzo. È una passeggiata facile da fare con i bambini in vacanza d’estate. Si trova all’arrivo della telecabina Predazzo-Gardonè, in Val di Fiemme. Prima di partire controlla gli orari. Impianti di risalita di Predazzo aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019.

Francesca Delladio

0 Read More

Se ti piace disegnare, c’è “dipingi una cabina”

Ti piace disegnare? Sulla MontagnAnimata puoi dare spazio alla tua fantasia!

Se vi parlassimo di Champs-Élysées, di concessionari per auto, di una bellissima domenica mattina di primavera nella capitale francese? Direste che siamo impazziti? E invece tutto torna! È proprio a Parigi che, una domenica di maggio, ci è venuta l’idea di coinvolgere i bambini per rendere più belle le cabine che portano a Gardonè.

Alla MontagnAnimata ci sono cabine con occhi, squame e code di drago: autentiche opere d’arte, frutto del lavoro degli studenti delle classi seconde del Liceo Artistico di Pozza di Fassa. Opere meravigliose che ci hanno fatto incantare, a tal punto da realizzarne quattro in una volta, anziché una com’era previsto.

Immagina come vorresti realizzare la tua cabina

disegno cabina concorso dipingi una cabina

Insieme a quei draghi portentosi, sfrecciano nell’aria anche le cabine immaginate dai bambini che ogni estate vengono a visitare Latemar MontagnAnimata e partecipano al concorso “dipingi una cabina” rendendoci orgogliosi di tanto impegno e fantasia! Progettano, disegnano e colorano il modellino di una cabina e ce lo consegnano con tanta attenzione, emozionati all’idea di vederla realizzata l’anno successivo.

Non potete immaginare quante idee, sfumature, occhietti ed effetti speciali riempiano il nostro ufficio, in autunno, quando raduniamo tutto. Quando arriva il momento di aprire lo scrigno dei disegni e di sottoporlo alla giuria che sceglierà i finalisti e, tra tutti, decreterà il vincitore… l’emozione è alle stelle.

Quanta precisione, fantasia, creatività in questi piccoli artisti! Tutti gli anni è una sorpresa ed è sempre difficile decretare il piccolo o la piccola meritevole di aggiudicarsi il concorso.

I vincitori dell’estate 2018

Quest’anno è toccato a Sonia e Diego Durazzi. Ci è piaciuta l’originalità del loro disegno. Se c’è un tema che abbiamo a cuore è l’ambiente e le api lo rappresentano alla perfezione. L’idea che una famiglia di questi insetti, tanto importanti, potesse viaggiare con il proprio alveare sopra i boschi e i prati della MontagnAnimata è piaciuta moltissimo alla nostra giuria.

Il mondo delle api è meraviglioso, la natura l’ha organizzato in modo perfetto e noi abbiamo il dovere di preservarlo, valorizzarlo o semplicemente farlo conoscere, perché ci sia più rispetto per la natura e consapevolezza del rischio che corriamo quando la loro sopravvivenza è in pericolo.

Tanti complimenti a Sonia e Diego e grazie di cuore a tutti i bambini che ogni anno sognano di colorare una cabina. Vi aspettiamo a Gardonè, nel parco giochi Il Regno dei Draghi.

QUALCHE INFORMAZIONE PRATICA

Per raggiungere la MontagnAnimata potete utilizzare gli impianti di risalita da Predazzo: tutti i giorni dal 23 giugno all’ 8 settembre 2019. Guarda prezzi e orari e indicazioni per arrivare a Predazzo.

0 Read More

Studiare i draghi in compagnia del mitico Nikolaus Drache

Studiare i draghi in compagnia del mitico Nikolaus Drache è il mio sogno, il mio obiettivo!
Quando chiedo ai miei amici cosa vogliono fare da grandi rispondono: chirurgo, cantante, astronauta, pilota di formula 1… io invece da grande voglio fare il Dragologo!

L’estate scorsa con la mia famiglia siamo andati in vacanza in Trentino, a Predazzo, in Val di Fiemme. Siamo saliti con la telecabina e, arrivati a Gardonè, abbiamo incontrato un signore davvero strano. Aveva uno zaino vecchio, traboccante di attrezzi buffi e colorati. Non avevo mai visto niente di simile! Ho trascinato subito mamma e papà lì vicino per sentire meglio cosa stesse dicendo. Era circondato da bambini con gli occhi sbalorditi e attenti.

Il primo incontro con Nikolaus Drache

“Buongiorno a tutti, mi presento, sono il prof. Nikolaus Drache e faccio il DRAGOLOGO!”
Dragologo? Che lavoro è mai questo? Non me ne ha mai parlato nessuno!? “Da anni studio le creature più incredibili e meravigliose del mondo: i draghi! Ho viaggiato in lungo e in largo, scovandone specie di ogni tipo: draghi grandi, draghi piccoli, draghi pelosi che vivono in fondo a caverne buie e draghi uncinati dagli occhi di fuoco. Oggi porterò i più coraggiosi di voi alla scoperta dei draghi del Latemar nella Foresta dei Draghi, siete pronti a seguirmi?”

Cosa? Andiamo alla ricerca dei draghi? Ma certo che sono pronto! Fantastico!

Seguiamo tutti il prof. Drache che si fa strada in mezzo al gruppo con passo dragologico: una camminata tutta speciale, a zig-zag, utile per confondersi nel bosco e, se ci fosse un drago nascosto da qualche parte, a mimetizzarsi perfettamente. Con gli altri bambini circondiamo il prof. Drache e seguiamo ogni sua mossa: ci spiega come riconoscere il passaggio di un drago nel bosco, quali impronte potrebbe lasciare sull’erba, cosa indicano quei ciuffi di piante mangiucchiati che abbiamo intravisto. È tutto incredibile e affascinante! Sì, da grande questo sarà il mio mestiere.

Le tracce del passaggio dei draghi

Arriviamo ad un bivio e, proseguendo in discesa, scorgiamo una roccia graffiata: segni neri e profondi… quelle unghiate non possono che essere opera di un drago! Allora ci sono davvero e abitano nei boschi del Latemar!

Più avanti, dove il sentiero si allarga, ci mettiamo tutti in cerchio, intorno al mitico dragologo. Eccolo che infila una mano nello zaino e pesca un arnese particolare.
“Questo, cari ragazzi, è uno strumento di localizzazione draghesca, la sonda cercadraghi! Basta gonfiare quello che può sembrare un comune palloncino – e in realtà contiene le più sofisticate tecnologie disponibili – liberarlo nell’aria e assistere alla magia. La sonda, posandosi a terra, ci indicherà la strada da percorrere per trovare il drago!

Senza perdere un minuto, proseguiamo nella direzione suggerita dalla sonda cercadraghi, tra alberi senza punta, corteccia sbriciolata e fronde spezzate… “è segno che un drago è atterrato proprio qui”, ci spiega il prof. Drache raccomandandoci di fare silenzio e procedere piano perché poco più avanti, lungo il sentiero, ha fatto una delle sue scoperte meravigliose.

“Eccoci bambini, l’altro giorno perlustrando questa foresta mi sono imbattuto in qualcosa che mi ha dato fiducia sull’esistenza dei draghi. Mai perdersi d’animo quando inseguite un obiettivo! Fate attenzione, osservate: qui dietro c’è un nido!”

Il nido di un piccolo drago

Il dragologo Nikolaus Drache - spettacoli itineranti

Il dragologo Nikolaus Drache – spettacoli itineranti

Giriamo l’angolo e in un enorme nido tra i sassi c’è un uovo gigante! Un uovo di drago! Nikolaus Drache si avvicina e appoggia sulla superficie rossa dell’uovo un altro dei suoi strumenti speciali. Avvicina l’orecchio e rimane stupito: all’interno dell’uovo si avvertono i movimenti di un piccolo draghetto. Sarebbe bellissimo se si schiudesse adesso! Vi immaginate assistere alla nascita di un drago, WOW!

“Probabilmente la mamma è qui nei dintorni, forse ci sta osservando… meglio andare e lasciare tranquillo il “piccolo” draghetto. Non vorrei suscitare le ire di una draghessa arrabbiata come quella volta in Sud America”, ci racconta Drache.

La casa-laboratorio di Nikolaus Drache

La casetta del dragologo nella foresta dei draghi a predazzo in val di fiemme trentino

Dopo qualche minuto di cammino raggiungiamo la sua casa-laboratorio e gentilmente il prof. Drache ci fa entrare a curiosare. È bellissima! È una piccola baita di montagna, ci sono un sacco di appunti e scarabocchi, reperti imbottigliati, mappe e libri per lo studio dei draghi. Mi convinco sempre di più che questa è la vita che voglio fare: stare a contatto con la natura, studiare i draghi e magari un giorno diventare anch’io un dragologo di fama mondiale.

Chissà se il professor Drache cerca un’apprendista? Mamma, papà posso stare tutta l’estate ad aiutare il prof. Drache?

Se anche voi volete scoprire tutto, ma proprio tutto, sul mondo dei draghi, non perdetevi gli appuntamenti in compagnia del prof. Nikolaus Drache. Ogni domenica di luglio e agosto sarete accompagnati a scoprire gli indizi lasciati dai draghi buoni del Latemar nella Foresta dei Draghi. Lo spettacolo itinerante con il prof. Drache è libero e gratuito e non serve prenotare 😉 Vi aspettiamo a Gardonè!

Informazioni utili

La Foresta dei Draghi è a Gardonè, a cinque minuti da Predazzo. È una passeggiata facile da fare in montagna con i bambini in vacanza d’estate. Si trova all’arrivo della telecabina Predazzo-Gardonè, in Val di Fiemme. Prima di partire controlla gli orari. Gli impianti di risalita di Latemar MontagnAnimata sono aperti tutti i giorni dal 23 giugno all’8 settembre 2019.

0 Read More

Informazioni sul percorso

webcam
WEBCAM
meteo
METEO
alloggi
ALLOGGI
rifugi
RIFUGI
noleggi
NOLEGGIO
altro
ALTRO

Stay tuned!